grotta poesia ok

Le sette meraviglie del Salento: Roca Vecchia e la “Grotta della poesia”

Nel comune di Melendugno – le cui marine sono state ripetutamente premiate con la Bandiera Blu e le 5 Vele di Legambiente – in località Roca Vecchia, è possibile ammirare uno spettacolare fenomeno naturale: la Grotta della Poesia, una delle dieci piscine naturali più belle del mondo. Geologicamente parlando, si tratta di una grotta carsica il cui aspetto così particolare è dovuto al crollo del tetto, mentre l’acqua del mare arriva a riempirla tramite un canale. Il nome parrebbe derivare dal termine greco-medievale “posia”, ovvero “sorgente di acqua dolce”, anche se un’antica leggenda narra origini ben più romantiche: secondo il racconto la piscina naturale era il luogo prediletto per i bagni di una bellissima principessa, e tutti i poeti accorrevano in massa per radunarsi davanti alla acque cristalline e cantare le bellezze della fanciulla e della grotta.

Neanche a dirlo, la particolare bellezza del luogo attira sempre di più turisti da ogni parte d’Italia (e non solo), che percorrono volentieri la splendida costa adriatica dell’alto Salento per bagnarsi nelle acque di questa sorta di “cenote” marino, un’esperienza davvero unica.

La zona, oltre a questo gioiello naturale, presenta anche attrattive di interesse storico archeologico: il ritrovamento di antiche iscrizioni, avvenuto nel 1983, ha permesso di classificare Roca Vecchia come luogo di culto della civiltà messapica, che lì adorava il dio Taotor.

Forse ti può interessare: VILLETTA LEFKÌ SANTA MARIA DI LEUCA