Grotta dei Cervi

La “Grotta dei Cervi” al Tg5: Porto Badisco e le meraviglie della “Cappella Sistina del Neolitico”

La “cattedrale preistorica più bella del mondo”, il complesso pittorico neolitico più imponente d’Europa, si trova in Salento, e per la precisione a Porto Badisco, a Sud di Otranto: è la Grotta dei Cervi. A questo splendido tesoro archeologico è stato dedicato un ottimo servizio dell’edizione domenicale delle 13.00 del Tg5, a cura della giornalista Laura Riccetti, e segnalato anche dai principali quotidiani online.

La Grotta è chiusa ai visitatori per proteggerla dalle mutazioni delle condizioni ambientali che potrebbero distruggere questo tesoro – definito dal National Geographic “la cappella Sistina del Neolitico” – di oltre 3mila pittogrammi in ocra rossa e guano di pipistrello, preservato da delicatissime condizioni di umidità e di temperatura.

Ma c’è una buona notizia: i turisti che da questa estate visiteranno il Salento avranno comunque modo di fruire di questo meraviglioso complesso studiandone ogni dettaglio e percorrendola in 3D grazie ad uno speciale tour virtuale che sarà a disposizione nel castello di Otranto.

Sarà così possibile ammirare questo documento visivo del V millennio A.C. con i suoi simboli iniziatici, come le mani dei bambini impresse nella volta alla fine di un corridoio, le figure di uomini con archi che vanno a caccia di cervi e poi misteriosi i pittorgrammi geometrici, le spirali, e il segno più mistico di tutti, lo “sciamano”.

Nel servizio, che ripercorre anche la storia della recente scoperta del sito, la reporter è stata accompagnata dal dottor Italo Maria Muntoni della Soprintendenza Archeologica di Puglia e dallo speleologo Nini Ciccarese, mentre le immagini sono state realizzate da Paolo Laku e Francesco Ciarnò: qui il link all’edizione integrale del Tg.

Forse ti può interessare: MASSERIA DON CIRILLO – UGENTO